sportello Help

Il vostro bambino è iperattivo e ha disturbi dell’attenzione?
Incontra difficoltà specifiche di apprendimento?
Siete spaventati da queste diagnosi e non sapete come muovervi  e aiutare i vostri bambini?

 Lo Sportello HELP D.S.A. e A. D. H.D.  offre un sostegno ai genitori che incontrano difficoltà nel comprendere le problematiche scolastiche dei propri figli.

Referente: dott.ssa  Roberta Sossai, educatrice specializzata in Pedagogia clinica

Si riceve su appuntamento il mercoledì, dalle 17.00 alle 19.00 
tel. 042175501

clicca qui per scaricare il pieghevole Help Desk 2 - Disturbi specifici di apprendimento-
Formato PDF - Dim. 736.71 kB
Categoria -
Scaricato 638 volte

In genere, quando si manifestano difficoltà scolastiche in modo continuativo, la scuola richiede al genitore di supportare il suo intervento con rinforzi da casa. Di fronte alle persistenti difficoltà scolastiche inattese del figlio, il genitore si trova totalmente impreparato.  Egli vive un duplice dramma: da un lato si trova in una situazione conflittuale e frustrante con il proprio figlio e si interroga sui propri stili di accudimento e sulle relazioni familiari interne, dall’altro c’è la pressione della scuola che, dopo i primi tempi di attesa, comincia a mandare segnali preoccupanti (a casa lo seguite?..). Generalmente il genitore comincia allora una cauta indagine sull’esistenza di analoghi problemi presso altri genitori. Cauta, per paura di brutte sorprese (come si trova tuo figlio con quella maestra?…non ti pare che vada troppo veloce?.. mi pare che dia troppi compiti..). Come fa il genitore a capire che non si tratta di rifiuto di apprendere, di mancanza di volontà o di motivazione, ma che si tratta piuttosto di un problema che nasce da una difficoltà specifica? Il problema di apprendimento del proprio figlio si trasforma spesso in un problema relazionale e sociale che coinvolge tutta la famiglia. Dopo una prima fase di disorientamento, all’inizio crede di poter migliorare la situazione con i soliti rimedi dell’aumento di attenzione, ma quando vede che non ci sono miglioramenti, anzi, quasi sempre il genitore comprende da solo che le difficoltà del figlio sono dovute a qualche problema indipendente dalla sua volontà e si tranquillizza quando scopre che c’è uno specialista che gli descrive il problema nei termini che egli vive quotidianamente e sa dunque comprendere il suo smarrimento e la sua pena.

FINALITA’ L’attivazione dello sportello nasce dall’idea di creare uno spazio neutrale di ascolto e informazione  rispetto a quello scolastico, in cui  genitori e studenti si sentano accolti e liberi di esprimere dubbi e difficoltà, e dove contemporaneamente possano trovare personale specializzato a fornire loro tutte le informazioni inerenti i disturbi di apprendimento e a contenere le possibili conseguenze dal punto di vista psicologico.